BLOG

Organizzare eventi sportivi- Tornei

Ricordo ancora il primo torneo che ho organizzato. Era l’estate del 2005 e nel mese di Luglio mi venne la brillante idea di organizzare un torneo di calcetto.

Nulla sapevo di organizzazione e poco sapevo di calcetto: avevo conosciuto questo sport nel 1985 mentre facevo il servizio miliare. Nelle calde serate estive a Roma ogni sera si giocava: erano gi albori di questo nuovo sport che veniva giocato nei circoli tennis  della capitale, spesso su campi in terra rossa.

Comincio a preparare i primi volantini, a dare un nome alla “organizzazione” . Mi balza in mente calcetto 2000: è così che mi chiamerò: preparo volantini e comincio a distribuirli. Li attacco ai pali della luce,non so dove avevo letto che così facendo avrei evitato di pagare tasse pubblicitarie.

Naturalmente non abbondavano le telefonate, con grandissima fatica e quando oramai stavo per disdire la prenotazione dei campi,riesco a mettere insieme sette squadre: si comincia!

Già da allora creo un sito internet: o chiamo www.calcetto2000.it: penso sia stato un sito sconociuto ai più praticamente un sito protetto dal WWF per specie in via d’estinzione. Preparo il calendario; oramai è tardi per trovare arbitri,per cui anche per rispettare il budget,visto che per trovare squadre avevo chiesto un’iscrizione molto bassa decisdi di arbitrare io. Quante partite avevo arbitrato prima? Zero.

Si giocheranno tre partite a sera: ricordo ancora la prima partita: Sola Boys-Boga Boys. QUasi nessuna squadra aveva le magliette che avevo notato nei tornei che andavo a visionare per prendere spunti e imparare: quasi tutti venivano con quello che trovavano nei casetti. Come dargli torto? io arbtravo con una maglietta da ciclista: aveva le tasche posteriori in modo da riporvi taccuino e biro.

Nonostante tutto il torneo avanza e come in ogni paese che si rispetti si mormora: c’è un torneo e qualche spettatore si “assiepa” attorno alle reti. Fortunatamente tra questi c’è un arbitro: rifaccio i conti,posso permettermi di pagarlo per arbitrare le fasi finali. E così è.

Il torneo giunge alla conclusione: Con molto coraggio,incoscienza ma tanta determinazione ho iniziato un percorso. La gente mi ha perdonato e perdona tuttora gli errori, riesco a fare capire che nonostante tutto con passione e determinazione cerco sempre di mettere i partecipanti al centro dell’attenzione rispettandoli tantissimo. Che sia questo il segreto?